Cisternino

Cisternino è uno dei borghi più affascinanti di tutta la zona, ricco di tradizioni e dove è un piacere perdersi tra i suoi vicoli e le sue piazzette. Un fascino dovuto alla sua architettura popolare e non pianificata che contraddistingue il centro storico.
Cisternino vanta la Bandiera Arancione del TCI (Touring Club Italiano). Si tratta di un riconoscimento di qualità assegnato ai piccoli comuni d’Italia per l’eccellenza turistica, ricettiva e ambientale. Cisternino è inoltre inserita nell’elenco dei Borghi più belli d’Italia e nei Comuni Slow Food per il mantenimento delle sue tradizioni gastronomiche e la tutela di coltivazioni e produzioni locali come, ad esempio, la carne che si può acquistare in uno delle tante macellerie del centro storico. Qui, volendo, la carne viene grigliata nella stessa macelleria e consumata sedendosi ai tavoli appositamente allestiti all’aperto.

L’esplorazione di Cisternino inizia da Piazza Garibaldi, con la Villa Comunale (“Giardino Comunale”) con lo splendido panorama che oggi si ammira dal belvedere della Valle d’Itira.

L’atmosfera e il fascino di Cisternino risiedono soprattutto nel girovagare tra le case del centro storico e gli altri antichi quartieri che si estendono oltre il Duomo e la Torre Grande. Inutile indicare un itinerario preciso, anche perché il bello della visita è perdersi e poi ritrovarsi. Sicuramente prima o poi passerete per Piazza Vittorio Emanuele, con la sua Torre dell’Orologio. Passeggiando per Cisternino scoprirete la bellezza delle case addossate le une alle altre, collegate da archi, intervallate da scale, ornate da balconi e mascheroni in pietra: un capolavoro di architettura popolare donato dalla sapienza di muratori e scalpellini senza nome. Questo è forse il motivo principale per trascorrere del tempo tra le bianche mura di Cisternino.

Desideri ulteriori informazioni?